Please select your page

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Storia


 

L’abitato di Parre

Il Castello, sembra essere quello che fonti antiche chiamano "Parra Oromobiorum Oppidum" (Parra centro fortificato degli Oromobi o Orobi); sorgeva infatti su un terrazzo fluviale in una posizione naturalmente difesa e strategica per il controllo delle vie di transito e dell’accesso alle risorse, soprattutto minerarie che sono particolarmente abbondanti in questa parte della Valle Seriana.

La vocazione del sito come luogo dominante è confermata dal toponimo Castello: spesso infatti questo nome conserva la memoria dell’esistenza di sistemi insediativi d’altura protostorici, senza riferirsi necessariamente alla presenza di un castello medioevale.

L’importanza del sito era nota già nell’Ottocento; proprio in questo luogo infatti, durante i lavori agricoli, venne alla luce un accumulo di manufatti bronzei, per lo più frammentari, deposto in un pozzetto nel V secolo a.c. e interpretato dagli archeologi come il ripostiglio di un artigiano fonditore.

Solo però dal 1983 al 1994 sono state effettuate campagne di scavo da parte della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, al fine di indagare il ricco deposito archeologico: quello che vedete oggi valorizzato nel sito archeologico e nel museo aperti al pubblico, sono solo una porzione dell’abitato, considerata la più significativa per testimoniare la storia della sua lunga vita.

Tracce dell'età del bronzo - La metallurgia

Tracce consistenti di un insediamento risalente alla fine dell’età del Bronzo (secoli XIII-X a.C.) sono state rinvenute in località Botti. I manufatti ritrovati e le strutture testimoniano che qui si svolgeva attività metallurgica: estrazione del rame dai minerali, fusione e colatura in matrici di pietra. Questa attività artigianale proseguì poi al Castello, dove venivano lavorati il rame che legato allo stagno forniva il bronzo e, a partire dalla seconda età del Ferro, il piombo, probabilmente sfruttando i giacimenti metalliferi del vicino Monte Trevasco.

L'età del ferro - L'abitato

I dati archeologici raccontano che l’abitato del Castello di Parre venne fondato sul finire dell’età del bronzo/inizi dell’età del Ferro. Le strutture più antiche individuate erano connesse ad un inghiottitoio naturale che doveva avere funzioni cultuali: in esso infatti sono stati ritrovati alcuni recipienti interpretati come deposizioni votive.

Più fasi costruttive testimoniano la vita dell’abitato durante l’intera età del Ferro; tutte le abitazioni indagate aderiscono al modello della “casa alpina”: di forma quadrangolare, infossata rispetto al piano di calpestio esterno, con i muri perimetrali costituiti da uno zoccolo di pietra da cui si doveva elevare un alzato in legno. I pavimenti erano in terra battuta e potevano essere coperti o meno da un tavolato ligneo, da argilla scottata o da lastre di pietra. Non sappiamo nulla di come fosse il tetto. Sulla base dei dati di scavo si ipotizza che fosse in scandole di legno o paglia; le continue trasformazioni subite dal sito hanno permesso la conservazione delle case solo al livello dei pavimenti e dei muri in pietra. Da alcuni particolari costruttivi e dalla sequenza stratigrafica del deposito al loro interno si ipotizza che esse fossero dotate di un piano rialzato.

Una sepoltura di infante e una fossetta votiva della fine dell’età del Ferro ci fanno intravedere aspetti della ritualità antica: la prima si trovava all’interno di un’abitazione, secondo un costume diffuso in ambito alpino centro orientale; il bambino era inumato con un corredo di recipienti ceramici tra cui spicca un piccolo vaso recante un’iscrizione, forse il nome del defunto.

La fossa votiva, in cui sono stati ritrovati caratteristici boccali di tipo alpino, metallici e di pasta vitrea, è forse connessa ad un rito di fondazione o ristrutturazione di una casa, in quanto adiacente ad essa. Probabilmente in virtù delle risorse minerarie di cui dispone, Parre in questo period, si colloca all’interno di una fitta rete di traffici commerciali con le popolazioni limitrofe, centro-alpine e celtiche. L’esistenza tangibile di questi contatti si può leggere in particolari oggetti che rimandano a culture presenti in altri territori: per esempio il vasellame e gli ornamenti caratterizzati da forme specifiche. Il ruolo di centro di scambi rivestito dall’insediamento è inoltre dimostrato dalla compresenza di monete emesse da zecche differenti (dracme galliche e monetazione romana repubblicana) giunte qui anche da luoghi lontani.

Nel corso degli scavi si sono rinvenuti reperti di pietra, ceramica, osso che recano iscrizioni in alfabeto “nord-etrusco”; tali testimonianze dimostrano che, nell’età del Ferro, si è diffusa a Parre la scrittura.

La ripresa dell'abitato - L'età romana

Il sito di Parre fu abbandonato alla fine del I secolo a.C., quando i Romani conquistarono le Alpi: con il loro arrivo probabilmente l’organizzazione territoriale subì profondi mutamenti, rendendo il sito del Castello poco funzionale. Dalla fine del II secolo d.C. al V d.C. l’altura fu nuovamente popolata, forse con funzioni militari, come potrebbe indiziare la presenza di particolari monete usate per il salario dei soldati. Le abitazioni di epoca romana, assai simili a quelle protostoriche, si differenziano per la tecnica costruttiva che prevede l’uso di pietrame di minori dimensioni, soprattutto ciottoli fluviali e che adotta le innovazioni portate dai conquistatori: la malta e i laterizi.

 

Altre curiosità


Sito archeologico “Parra Oppidum degli Orobi”

Nel 1883 durante dei lavori agricoli in località “Castèl” si giunse casualmente alla scoperta di un pozzetto circolare contenente pezzi di bronzo lavorato, per un peso totale di più di una tonnellata. L’importanza della scoperta però sfuggì ai proprietari dell’epoca che vendettero quasi tutto il materiale ad una società di Milano che produceva campane.

Solo il professor Mantovani capì l’importanza del rinvenimento e riuscì a procurarsi alcuni pezzi, in parte ancora conservati presso il museo archeologico di Bergamo.

In occasione del centenario del ritrovamento venne condotta dalla dott. Raffaella Poggiani Keller una nuova campagna di scavo che portò alla luce ritrovamenti molto importanti della prima e della seconda età del Ferro. Nell’autunno del 1994 vennero alla luce i fondi di alcune capanne risalenti alla tarda età del Bronzo e alla seconda età del Ferro tra cui un bellissimo pavimento in lastre di pietra locale.

Oggi dopo anni di impegno delle nostre diverse amministrazioni comunali è aperto al pubblico uno spazio museale denominato “antiquarium” in piazza S. Rocco e un sito archeologico interamente coperto a pochi metri di distanza in località Castèl.

Visita la pagina facebook del sito archeologico.


Parre e i Paar

Dopo accurate ricerche storiche Parre ha riscoperto le vicende della nobile famiglia Belliboni, originari di Casnigo, divenuti Baroni di Parre; dopo la dedizione della Val Seriana alla Serenissima Repubblica (1428) rimasero titolari di un vasto patrimonio terriero e continuarono ad essere importanti uomini d’affari.

I componenti di un ramo di questa famiglia, quello di Marco, preferirono seguire l’imperatore Massimiliano I nei Paesi Bassi e poi nell’Austria-Ungheria, diventando così i Paar, maestri delle Poste dell’Impero asburgico.

Dotati di coraggio, di spirito di iniziativa e di capacità organizzative, i Paar assunsero cariche sempre più importanti monopolizzando l’organizzazione postale ed estendendo il servizio in vaste porzioni dell’impero. Così, nella prima metà del Settecento, Johan Cristoph Paar era maestro delle poste a Vienna, in Austria e in Boemia. Con gli incarichi postali i Paar acquisirono anche titoli onorifici. Anche dopo la cessione del servizio postale allo stato i Paar conservarono il titolo di Principi e di Conti, ricoprendo cariche prestigiose al servizio degli Imperatori austriaci, con residenza a Vienna e a Bechygně.

I contatti con i Paar, già invocati dai Parresi durante le burrascose vicende del 1799, si sono infine realizzati nel maggio 2002 con il “ritorno” a Parre del Principe Alfonso, del Conte Carlo e della Contessa Eleonora che sono stati insigniti della cittadinanza onoraria di Parre. Dopo un altro significativo incontro nell’agosto 2013 è apparsa evidente l’intenzione dei Parresi e dei Paar a continuare insieme una straordinaria “storia”.


Le Miniere

Anche se si possono ancora rinvenire tracce di “assaggi” al Monte Alino, parlar di miniere a Parre vuol dire sopratutto pensare ai giacimenti di zinco del Monte Trevasco, verso cui si indirizzò l’attenzione di imprenditori italiani e stranieri alla fine dell’Ottocento.

Il Monte Trevasco fa parte di un distretto minerario già conosciuto ai tempi del Medioevo e forse fin dal tempo dei Romani: difatti esistono cunicoli fatti a mano e sono ancora visibili vecchi lavori.

L’attività più intensa si è sviluppata negli ultimi decenni dell’Ottocento e nella prima metà del Novecento; dopo vari tentativi di ripresa l’attività produttiva si è poi inesorabilmente interrotta nel 1981. Lungo i fianchi del monte sono ancora evidenti gli ingressi di varie gallerie e le discariche del materiale non utilizzabile: i livelli si chiamano Val Galena, Alfa, Torino, Sèrèt, Zan, Benedecc', Santa Barbara.

Insieme con gli impianti in fondo alla Val Dossana, presso Piazza Rossa, con il ponte che collega il versante di Parre con quello di Premolo, queste “presenze” sono oggetto di progetti, in parte eseguiti, in parte ancora da realizzare, per la messa in sicurezza e la valorizzazione di questo patrimonio storico.


Ol Cöstöm

È impossibile stabilire con precisione l’origine del costume di Parre, già in uso a partire alla fine del '600. Sembra documentato il suo significato originario devozionale.

Lo storico Bergamasco Antonio Tiraboschi nel 1864 definiva così l’abbigliamento Parrese: "il vestiario si compone di tela, di mezza lana, di nastri e merletti, tutte cose comuni, ma indosso a un Parresco hanno un significato che non hanno indosso ad altri”.

Oggi la tradizione del costume è portata avanti sia dal gruppo folkloristico Lampiusa, che dal 1968 ripropone balli tradizionali in Italia e all’estero oltre ad organizzare gemellaggi, festival e la tradizionale “Sagra del capù” nella prima settimana di agosto, sia dall’associazione culturale denominata “Cöstöm de Par” con varie iniziative.

 

 

 

Sponsor

) echo $addcode ;?>