Please select your page

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Natura


Foto-della-direzione
Sentieri 

Nel territorio di Parre hanno inizio diversi sentieri segnalati dal C.A.I: il sentiero 240 che dal termine di via Campella sale al monte Trevasco, poi alla Forcella, al Fop e prosegue fino al Leten e alla baita di Camplano: il sentiero 241 che parte sempre dal termine di via Campella, ma arriva al Monte Alino e ci permette di proseguire fino alla cima del monte Vaccaro.

Da segnalare anche il sentiero 242 che ha inizio dalla località Cossaglio e risalendo la Val Dossana ci porta fino al rifugio Santa Maria in Leten.

Il comune di Parre è anche parte integrante dell’itinerario del sentiero dell’Alto Serio, percorso che transita nella località Cossaglio, alla S.S. Trinità e nella frazioni di S.Alberto e Martorasco.

Download Sentieri

 

 

Montagne

 

 

Alino
Metri 1049 slm


Monte dal dolce pendio prativo costellato di cascine che sale verso il monte Vaccaro a nord e strapiomba verso il fiume Serio a sud con ripide balze. La sua cima è chiamata Grom. È delimitato verso est dalla "Al di Frà", la Valle dei Frati,  ed ad ovest dalla Val de Fontagnù. Alino è una versione inesatta del Monte di Lino, come è stato chiamato per secoli per la coltivazione del Lino, importante pianta tessile.

 


 

Fop
Metri 2322 slm


Monte dall’aspetto dolomitico alla sommità della Val Dossana le cui pendici settentrionali danno sulla Val Canale. E' la seconda cima per altezza della catena delle Prealpi Bergamasche che dalla Cima Vaccaro (1957 m) porta al monte Secco. Fopa sta per fossa, buca, ed è un antico vocabolo lombardo e trentino. Ai piedi della maestosa vetta c'è una specie di conca, in cui si conserva per lungo tempo la neve. 

 


 

Forcella
Metri 2088 slm


E' una zona di alpeggio sulla sinistra orografica della val Dossana, con il crinale che arriva oltre i 2000 m. Ha una configurazione mite, con ampi dossi e avvallamenti poco profondi. A 1718 metri di quota esiste la Baita Forcella. Si può raggiungere l’alpeggio da diversi itinerari: dall’alpe Vaccaro, in poco meno di un'ora, o da Parre e seguendo il sentiero 240 per il monte Trevasco in circa 2 ore di cammino.

 


 

Leten
Metri 2095 slm


Il monte con i suoi alpeggi e la baita fanno parte del territorio del Comune di Parre, ma l’uso è stato assegnato al Comune di Ponte Nossa. Il GAEN nossese difatti gestisce il rifugio “Santa Maria in Leten” situato al margine ovest della conca della Val Nossana. E' dedicato a Luigi Santamaria; è ipotesi plausibile che "Leten" significhi piombo: nel medioevo questa zona era interessata dall’attività mineraria.

 


 

Trevasco
Metri 1496 slm


E' il monte che si trova a nord del paese, con versante prativo e molte cascine, culminante nella cima della Sponda (m 1496) compreso tra Val de Fontagnù a est e la Val Dossana a ovest. Questo monte fu luogo di assidua attività mineraria nei secoli passati per l’estrazione di zinco. L’attività venne interrotta all’inizio degli anni '70 del secolo scorso perché le miniere furono considerate improduttive.

 


 

Vaccaro
Metri 1957 slm


Monte alle spalle del paese, tradizionale luogo di alpeggio con tre baite. Ora sul pendio meridionale c'è un accogliente rifugio, meta di escursionisti. E' generalmente aperto solo a richiesta. Sempre aperto è invece il locale bivacco all'estremità destra del lungo edificio. Nelle vicinanze la ristrutturata “baita di mezzo” viene utilizzata per le attività dei mandriani. Pagina WEB rifugio

 


Sponsor

) echo $addcode ;?>